Vortice Nephandum

A Garl, mio discendente
Figlio di ogni Cacciatore prima di te.

Il Nephandum è un piano di esistenza “mobile”; ovvero una dimensione capace di spostarsi ed invadere altre dimensioni fagocitandole.
La natura cosmologica del Nephandum è un universo intangibile che coesiste con Tòril.
I piani ipogei come il Nephandum si trovano sotto lo strato di realtà che costituisce la cosmologia, il termine “sotto” non è relativo allo spazio perchè i piani ipogei non hanno una dimensione tangibile, ma è invece relativo al particolare rapporto che essi intrattengono con i piani materiali.
Infatti i piani ipogei sono un ingresso affacciato su questi piani che, in alcune occasioni, riescono a invadere con un effetto travolgente. Il mondo assalito viene gradualmente corrotto fino a diventare parte integrante del piano ipogeo.
Per questo motivo hanno un’importanza fondamente i gorghi dimensionali cioè dei punti in cui il piano ipogeo entra in contatto con il piano materiale.
Si suppone che il Nephandum sia un intero cosmo collassato in un’era di cui non si ha piu memoria, il cataclisma originario fu di proporzioni smisurate e ancora oggi le spire che promanano dal cuore nero del nephandum sono percorse da uno sconvolgente lamento, un’eco febbrile delle sofferenze subite da milioni di anni.
Il Nephandum è il dominio incontrastato di cinque forze ostili detti Terrori Ancestrali (o Signori del Terrore), bramose di piegare i mondi del multiverso ai loro oscuri fini.
I Terrori Ancestrali possono invadere un piano materiale solamente procedendo per gradi successivi, prima che il Nephandum possa iniziare la sua invasione i Signori del Terrore devono tutti focalizzare la loro attenzione sul medesimo piano materiale.
Al momento del contatto tra il piano ipogeo e il piano materiale un evento scatenante farà aprire i cinque gorghi dimensionali necessari per far giungere sul piano i cinque Emissari dei Terrori, prima condizione necessaria per l’avvento del nephandum.
I cinque terrori ancestrali sono:

Ashata, signore della malattia

Hyssiris, signore della follia

Melpheron, signore del sangue

Tzanaar, signore della bestialità

Yordul, signore dell’oscurità

I Terrori Ancestrali non sono divinità uniche, bensì un conglomerato di divinità che nel corso dei secoli si sono aggiunte e stratificate intorno ai principi e alle filosofie che costituiscono il loro nucleo centrale.

Ogni divinità ha al suo seguito una Piaga Funesta, un’entità di forza e poteri enormi che funziona da Avatar per ogni Terrore. Proprio queste Piaghe sono il fulcro della missione dei Cacciatori, i quali hanno fallito ripetutamente. Queste creature non sono altro che contenitori di potere che passa nei corpi e nelle menti di chi sferra loro il corpo mortale.

La loro essenza raggiunge i Katran, delle enormi pietre con su scritte rune magiche. È tramite la lettura di queste iscrizioni che l’assassino della Piaga Funesta può assorbirne il potere. Chiunque tranne i puri di cuore può sopravvivere all’asservimento al Terrore a cui si lega.
Dopo secoli di sconfitte dei Cacciatori io e il mio gruppo siamo giunti alla conclusione, rivelatasi esatta, che solo impadronendosi di questo potere si possono sconfiggere i Terrori.

Una volta uccise tutte le Piaghe bisogna suicidarsi gettandosi nel nero vortice del tempo che staziona al centro del Nephandum.

Ho la certezza di questo perché due miei compagni hanno fatto questa scelta.

Altri due purtroppo hanno scelto di mantenere vivo con loro quel potere, portandolo come un passeggero nel Piano Materiale. La loro avidità ha permesso ai Terrori di sopravvivere. Dal mio canto, io ho cercato di fare il possibile, inglobando Tzanaar, e portandolo dentro il tempio di Amunator\Lathander.

Spero sia servito a qualcosa, ma se tu che leggi sei un Cacciatore, sappi che Lathander è solo una porzione di Amunator sopravvissuta ai Terrori. Se dovessi sconfiggere Tzanaar potresti riportare su Faerun la divinità del Bene e della Prosperità.
In questi ultimi giorni di vita cercherò di riportare tutto quello che mi viene in mente, sapendo che non sarebbe utile a nessuno se non a dei Cacciatori.

Siate vigili con chiunque e diffidate da ogni consiglio che vi è stato dato. Potrebbe essere un emissario di Hyssyrys. Egli è l’unico Terrore che utilizza più emissari, nascondendoli sotto mentite spoglie.

Agite con cautela ed attaccate a viso aperto solo se siete sicuri delle vostre possibilità. La resa in un combattimento contro le Piaghe, non vi porterà altro che ad una fuga senza fine.

Tenetevi uniti contro ogni cedimento, contro ogni momento di follia dei vostri compagni. Solo al completo sarete in grado di sconfiggerli.
Per quanto riguarda i Terrori sconfitti, non ho idea se il loro potere risieda ancora presso le loro antiche Logge. Se così fosse, non sarebbe una follia esplorarle per poi assorbirne il potere, magari liberando qualche antica divinità dalle loro catene.
Credo infine che la prima mossa, la migliore sia sconfiggere la prima Piaga, la più debole: Hyssyrys. Egli è il meno potente in uno scontro frontale, ma se allargasse i suoi domini sulle terre di un altro Terrore, il Nephandum potrebbe diventare un labirinto di illusioni inestricabile.
Ashatha e Tzanaar saranno scontri suicidi anche al massimo delle forze, ma saprete contro cosa combattete.
Hyssyrys ha il suo Katran nelle profondità del crepaccio, non so dirvi quale forma avrà assunto al tempo in cui troverete questo scritto, ma le Piaghe difficilmente si spostano dai Katran senza motivo.
Spero farete la scelta giusta alla fine, ma se così non fosse giurate tra voi che tornati a casa cercherete le istruzioni delle Tombe di Mythal. Questi artefatti sono l’unica alternativa che ho trovato nelle mie ricerche.
Figlio mio, queste sono le mie ultime righe. Non so quale nome tu abbia, certo non quello dato dalla mia discendenza: credo Garl VI°. Le mie ultime volontà sono che tu porti questo nome con onore, che protegga i tuoi compagni ad ogni costo e che torni a casa, portando con te la Luce di Amunator. Non ho potuto essere un padre, la discendenza dei Cacciatori non lo permette: sconfiggi questa maledizione e diventa il padre che non hai potuto avere…

Sources: